vuoto
vuoto
vuoto
vuoto
vuoto


[home] - [indice appunti da Carloforte] - [4 luglio 2007]


Appunti da Carloforte
4 luglio 2007
"Festa Patronale" sottolineatura

Nei giorni scorsi si celebrata la festa di San Pietro, il Santo che ha dato il nome all'isola. Quattro giorni densi d'avvenimenti ludici: concerti, regate a vela, gare di canottaggio, recite, danza, fuochi pirotecnici ed altro ancora.

E' la festa pi sentita dai carlofortini che, se emigrati in Sardegna o nel continente o all'estero, fanno il possibile per ritornare a casa a festeggiare l'avvenimento.

Tralascio per ragioni di spazio la descrizione dettagliata di tutti gli avvenimenti, mi soffermo, per su quello che il momento culminante della celebrazione: la processione del Santo.

Naturalmente in visita a Carloforte vengono il Vescovo della Diocesi, Rappresentanti della Regione e della Provincia la Giunta Comunale presente al gran completo e presenziano pure il Comandante della Capitaneria di Porto ed il Maresciallo dei Carabinieri Comandante di stazione.

Dopo la S. Messa di rito, la processione con la statua del Santo esce dalla chiesa e si avvia verso il mare, possiamo dire che tutto il paese la segue, agnostici ed atei inclusi.

Accompagnata da musica sacra suonata dall'ispirata banda cittadina, la statua di San Pietro portata sulla banchina "Mamma Mahon" dove viene imbarcata su un barcone di tonnara, portato a remi da tonnarotti particolarmente pii e robusti.

Dietro si muove la barca con le Autorit, la Motovedetta della Guardia Costiera, i gommoni della Protezione Civile e via di seguito, barche a vela, pilotine, pescherecci di tutte le misure, tutti imbandierati col gran pavese. Una folta folla che non si potuta imbarcare, schierata sui moli a seguire lo spettacolo.

Il barcone col Santo percorre un breve giro sino al piazzale antistante l'Istituto Nautico e poi torna al punto di partenza.

Un dettaglio emozionante: dal momento in cui la statua del Santo imbarcata fino allo sbarco suonano in continuazione tutte le sirene delle navi, della motovedetta e dei battelli. L'antico modo di festeggiare.

La cerimonia si svolta al tramonto ed stata uno spettacolo bellissimo vedere i colori del cielo, del mare, le luci di posizione dei natanti, la luna piena che sorgeva sopra Calasetta.

Prossimo appuntamento alla "Festa dei Pescatori" il prossimo 7 Luglio: pesce fritto, vino, ballo in banchina, canzoni genovesi e tante, tante risate. fine

Sandro Emanuelli


vuoto