vuoto
vuoto
vuoto
vuoto
vuoto


[home] - [indice appunti da Carloforte] - [7 luglio 2007]


Appunti da Carloforte
7 Luglio 2007
"Sagra dei Pescatori" sottolineatura

Ieri sera a Carloforte si è svolta per l'ottava volta la "Sagra dei Pescatori": una serata dedicata dai pescatori professionisti alla popolazione, con distribuzione di frittura di pesce e abbondanti libagioni di vino, il tutto contornato da un magnifico accompagnamento musicale del gruppo "I Pantera Rosa" con musiche degli anni '60.

Sono state fritte davanti agli occhi di tutti oltre 30 casse di pesce fresco, mentre la quantità di vino distribuito (e consumato), la cifra di 130 litri circa, mi sembra che per discrezione sia stata tenuta vaga.

La festa è molto sentita, iniziata in sordina intorno alle 21 è finita verso le 02,30, quando hanno iniziato a smontare il palco dell'orchestrina; ha partecipato praticamente tutto il paese e ne hanno beneficiato anche i turisti appena arrivati.

Dopo la distribuzione del cibo, la gente si è messa a ballare per la strada, che era stata preventivamente chiusa al traffico dall'Autorità Comunale.

Esiste un grosso legame tra la comunità ed i pescatori; inizialmente, quando lasciarono Pegli per Tabarka, erano pescatori di corallo. La popolazione è cresciuta da allora e non tutti sono rimasti pescatori, molti ora navigano o sono emigrati, ma spiritualmente il nocciolo dell'economia del paese resta sempre quello dei pescatori, anche se oggi si limitano alla piccola pesca ed una parte di loro solo stagionalmente sulle tonnare.

Ho passato quasi tutta la serata con due coppie di amici inglesi, entrambi muniti di grosse barche a vela che sono capitati qui quasi per caso, ritengo molto difficile che vadano via, sono entusiasti: posti barca ad un prezzo accessibile, gente simpatica, clima incantevole, cucina ottima e vino buono, ieri sera avevano persino dimenticato che in Inghilterra hanno la Regina!

Questa è una tipica serata carlofortina, ci saranno altre feste ed altri incontri, ma il succo del discorso è questo: è un piccolo paradiso, speriamo che non venga rovinato. fine

Sandro Emanuelli


vuoto